La fioritura dei ciliegi

parco-per-foto-valli-di-lanzo - fiori di ciliegio

Fonte immagine: https://unsplash.com/photos/Fw55DEkH6pg

Come possiamo mai perdere interesse nella vita? La primavera è arrivata ancora una volta e i ciliegi fioriscono in montagna”. Questa citazione del poeta giapponese Ryokan Taigu descrive al meglio l’esperienza Zen di vedere un ciliegio carico di fiori rosa e bianchi ogni primavera. Non c’è modo migliore, infatti, che osservare con i propri occhi la bellezza della fioritura di un albero di ciliegio: un autentico risveglio primaverile, oltre che un’allettante promessa del clima mite dei mesi venturi.

La vera magia dei ciliegi, tra gli alberi più amati in assoluto, è data dal cambiamento di colore dei fiori, che dura poche settimane, ma che da un giorno all’altro può regalare scenari stupendi, imperdibili: si parte da un rosa scuro, virando verso un colore più leggero alla comparsa del primo fiore e infine arrivando ad un rosa pallido, tendente al bianco. Alcune varietà mostrano anche un meraviglioso colore del fogliame al momento della caduta dall’albero: viola, rosso o arancione, a seconda della specie. Il ciliegio in fiore è sempre una meraviglia, ma lo è ancora di più nelle varietà a doppia corolla.

parco-per-foto-valle-tesso - fiori di ciliegio

Fonte immagine: https://unsplash.com/collections/491437/cherry-blossom?photo=Hct3mttXojI

Una curiosità: in Giappone, la fioritura dei ciliegi, in virtù del suo periodo limitato, simboleggia l’effimero, la transitorietà della vita. Conifere, aceri e azalee sono molto più comuni nei giardini tradizionali nipponici, mentre nei parchi il ciliegio ornamentale la fa da padrone ed è frequente vedere persone rilassarsi all’ombra delle sue foglie, godendosi un rigenerante momento di tranquillità nella frenetica vita quotidiana.

I ciliegi ornamentali vengono in genere piantati per la loro profusione di appariscenti fiori in primavera, ma alcune specie producono anche piccole ciliegie nei mesi estivi. Questi frutti sono troppo aspri per le persone, ma uccelli come i cardinali e i pettirossi ne vanno ghiotti. I ciliegi vanno piantati in un terreno ben drenato, illuminato da un sole pieno e lontano da forti venti, oltre che inserito in un ampio giardino in modo che l’albero possa prosperare in assoluta libertà, senza costrizioni alcune: da segnalare che il ciliegio è una pianta che è in grado di arrivare a ben venticinque metri di altezza.

parco-per-foto-torino-montagna - ciliegio in fiore

Fonte immagine: https://it.wikipedia.org/wiki/Prunus_serrulata

Originario dell’Asia Minore, da cui venne importato in epoca preistorica, e ambientatosi con successo, il ciliegio oggi può essere considerato spontaneo tanto dell’area mediterranea come dell’Europa centrale. Come anticipato, non ha delle esigenze particolari, né per il tipo di terreno che per il clima: vegeta bene in pianura come nella media montagna, dove è spesso presente allo stato spontaneo nei boschi di latifoglie, assieme a faggi, aceri o castagni.

parco-per-foto-torino - fiori di ciliegio

Fonte immagine: https://unsplash.com/collections/491437/cherry-blossom?photo=RCMp7JFmUDw

Ogni primavera non perdetevi la meraviglia del ciliegio in fiore. I suoi colori luccicanti avranno su di voi l’effetto di un incantesimo, che durerà tutta una vita.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *