Valli di Lanzo: i percorsi che non ti aspetti nei tuoi soggiorni brevi nel torinese

soggiorni_brevi_torinese

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/boschi-percorso-nebbioso-2023264/

Il torinese e, in particolar modo, le Valli di Lanzo sono territori che si prestano favorevolmente a soggiorni brevi. Il perché è presto detto: sono luoghi ideali in cui compiere lunghe passeggiate all’aria aperta, immersi nella natura. Sono tanti i percorsi allestiti, naturalistici in primis, ma non solo: non mancano le opportunità culturali e artistiche. Soprattutto, ciò che più conta, è che questi percorsi non presentano grandi dislivelli e sono quindi accessibili a tutti, senza alcun distinguo.
Nella Val d’Ala e nella Val Grande, ad esempio, lungo la Stura sono percorribili due sentieri “Sport e Natura” che collegano i vari paesi circostanti per un tratto di oltre dieci chilometri e presentano entrambi una particolarità: una volta terminati questi percorsi, se non si vuole camminare a ritroso, si può comodamente salire su un mezzo pubblico e far ritorno alla partenza senza faticare ulteriormente.

soggiorni_brevi_torinese

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/uomo-a-piedi-pantaloni-scarpe-2628706/

Spostando l’attenzione su Ala di Stura, a spiccare è la presenza di sette itinerari che raggiungono le varie borgate, immergendo i turisti in un viaggio nel tempo caratterizzato dal relax e dalla tranquillità: in questi territori, la fretta non è di casa e il tempo è scandito da decine di orologi solari, che rendono unici questi luoghi insieme ad incisioni rupestri e affreschi. Non è tutto: è possibile seguire percorsi tematici per rendersi conto con i propri occhi di come il turismo in queste valli abbia modificato l’architettura locale, in particolar modo negli ultimi due secoli, puntando prima su armoniose ville, poi su caratteristici chalet di montagna e, più recentemente, su palazzine in stile liberty.

soggiorni_brevi_torinese

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/ponte-pietra-antico-ponte-pietra-650680/

A Balme e nei boschi circostanti, i più curiosi non possono perdersi per alcuna ragione al mondo l’insieme di sculture lignee realizzate da una scuola di scultori del capoluogo piemontese che è conosciuta come la “Foresta di Sherwood”, nome che deriva dalla foresta inglese celebre per le imprese dei personaggi principali della leggenda di Robin Hood. Per non parlare degli ecomusei aperti per i visitatori: luoghi speciali in cui sono custoditi gli oggetti della vita quotidiana degli abitanti delle zone montane. Dai pastori ai fornai, passando per le guide alpine: si possono in questo modo scoprire e visitare le “chintane”, le “airette” e le borgate, autentici scorci di vita.

soggiorni_brevi_torinese

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/foresta-boschi-alberi-registro-2619127/

Tra i soggiorni brevi nel torinese consigliabili, c’è sicuramente anche la visita alla miniera Brunetta in Val Grande, una miniera di talco immersa nei boschi, nella quale per alcuni minuti ci si potrà immedesimare nei minatori che in passato hanno popolato queste valli e si potranno conoscere meglio i tanti minerali presenti nella zona.
Infine, se siete amanti della natura, dei suoi rumori e dei suoi colori, non mancano nelle Valli di Lanzo numerosi sentieri da percorrere in solitaria ed in buona compagnia, fermandosi di tanto in tanto a leggere le informazioni presenti nelle apposite bacheche per scoprire tutto, ma proprio tutto, ciò che di interessante custodiscono gelosamente questi percorsi naturalistici ricchi di fascino.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *